Risotto con zucca gialla, porro, champignon e nduja calabra

il

I prodotti dell’inverno sono fantastici e possono permettere di creare davvero dei piatti squisiti. Questo risotto sprigiona un sacco di sapori e di colori.

Vediamo  cosa serve (per 4 persone):

  • Gr. 300 riso carnaroli
  • Gr.200 zucca gialla pulita
  • N. 1 porro
  • Lt. 1/2 brodo vegetale (fatelo con quello che avete in casa)
  • N. 1 “cucchiaio” di Nduja (più o meno quella che ci starebbe dentro)
  • N. 8 champignon freschi
  • N.1 cucchiaino di prezzemolo tritato
  • Olio extravergine di oliva
  • Burro (una noce per la mantecatura)
  • Sale pepe q.b.

Pulite la zucca, fatela a cubetti e mettetela a cuocere in un tegame dove avrete precedentemente messo circa quattro cucchiai di olio extravergine di oliva e il porro a soffriggere tagliato a sottile.

20170216_184138.jpg

 

Cuocete fino a che la zucca non avrà ritirato buona parte della sua acqua, direi quindi per almeno 10 minuti, possibilmente coprendo con un coperchio. Aggiungete quindi un pizzico di sale (poco!).

20170216_185929.jpg

Nel frattempo pulite gli champignon e tagliateli piuttosto sottili e fateli cuocere in un tegame dove avrete messo un paio di cucchiai di olio extravergine di oliva. Fateli ritirare della loro acqua e aggiustateli di sapore con sale e pepe e con il prezzemolo.

A questo punto  iniziate la tostatura del riso (se non ricordate come si fa cliccate qui), e dopo un terzo della cottura del riso aggiungete la zucca, dopo un paio di minuti  ancora aggiungete anche i funghi.

A cottura quasi ultimata, aggiungete la nduja, sbriciolatela con le mani, in pochi attimi si scioglierà con in calore del risotto rendendo subito più colorato alla vista e al gusto il vostro risotto. Mi raccomando aggiungete a piccole quantità la vostra nduja e aggiustate di sapore e equilibrate bene il salato e il piccante in modo da ottenere un risotto che sia una vera esplosione di sapori.

20170216_192657.jpg

 

Quando il riso sarà cotto al punto giusto (mediamente 16/18 minuti) toglietelo dal fuoco e aggiungete una noce di burro per la mantecatura.

Servitelo ben caldo, sarà gustoso fino all’ultimo chicco!

img_20170216_200835_100.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...